logo
Home > Cosa facciamo > Consulenze e formazione professionale > Perizie psicologiche / psichiatriche
Maurizio Brasini

Vi sono una serie di casi in cui la valutazione del profilo psicodiagnostico viene impiegata a fini legali.

I metodi, le tecniche e gli strumenti propri della psicodiagnostica sono gli stessi sia in ambito clinico sia in ambito forense. Tuttavia, la psicodiagnostica forense costituisce un ambito di intervento a sé stante, le cui prerogative peculiari riguardano:

  • il contesto di applicazione della diagnosi, che per la psicodiagnostica forense è giuridico;
  • lo scopo della diagnosi, che viene utilizzata per certificare alcuni aspetti di competenza dello piscologo clinico e/o dello psichiatra al fine di rispondere ad un quesito posto da un giudice.

In ambito forense, si parla di "consulenza tecnica". Ove ritenuto necessario, il giudice nomina un consulente tenico di ufficio (CTU); in tal caso, ciascuna delle parti in causa ha diritto di nominare un consulente tecnico di parte (CTP) a sua scelta. Il compito del CTP è mettere la sua competenza psicodiangostica al servizio del proprio assistito per sostenerne e difenderne la posizione ai fini legali. In tal senso, il CTP svolge una funzione complementare a quella dell'avvocato. Le perizie riguardano qualsiasi aspetto che può assumere un rilievo all'interno di un procedimento legale, sia in ambito civile che penale.

Alcuni esempi tipici sono:

  • in procedimenti civili: l'idoneità sul piano cognitivo ed emotivo a svolgere alcuni compiti (ad es. la funzione di genitore in casi di separazione o di richiesta di adozione), la capacità di intendere e di volere (ad es. in casi di revoca della gestione patrimoniale da parte di un anziano), etc.
  • in procedimenti penali: la valutazione del cosiddetto "vizio di mente" e della sua entità, la capacità di intendere e di volere (in caso siano state commesse azioni delittuose), la pericolosità sociale (per l'adozione di misure restrittive e per il reinserimento), la stima del danno psichico (per risarcimenti), etc.

 


contattaci per maggiori informazioni o per un preventivo online.

 

Parliamo di...

Lo psicologo al telefono
Scritto da Alberto Vignali   

Il telefono per tanti anni è stato un importante strumento per i professionisti della salute mentale, utilizzata, tra gli altri scopi, per sessioni di emergenza e per il lavoro sulla crisi (Liebson, 1997; Haas, et al., 1996). Nonostante tutto questo, ha fatto relativamente poca strada nella realtà della psicoterapia tradizionale. Le persone sembrano avere una varietà di opinioni sul perché non dovrebbe essere usata. Haas et al. (1996) suggeriscono che il luogo in cui la terapia ha luogo può avere un impatto significativo: se il cliente chiama da casa, la relazione terapeutica potrebbe risultare compromessa. Nagy (1987) suppone che i clinici potrebbero aver problemi nel mantenere l’attenzione attraverso una sessione telefonica. La principale argomentazione è che il telefono priva di indizi non verbali fondamentali, diminuendo così la sua efficacia (Haas, et al., 1996). Dall’altro lato, si afferma che, anche se il telefono elimina molti indizi non verbali, molti fattori emozionali possono essere sentiti attraverso il telefono (Tausig & Freeman, 1988).

continua a leggere...
 

Domande recenti



More Topics »

Ultimi commenti

  • Io non vedo vantaggi nella mia nuova condizione (sposata)...lavoro domestici a mai finire, gente che si aspetta che faccia due figli, niente più spazi... continua a leggere...
  • Adeguarsi al cambiamento è un percorso in discesa?? Sì certo, come no! Ma per favore, va! continua a leggere...
  • lascio un commento, perché in 2 righe 2, il Dottore ha capito e compreso subito tutto!!! Soluzione inclusa.....complimenti vivissimi... Perché non tut... continua a leggere...

Per appuntamenti

chiamaci

email

Accedi (login)

Ricerca nel sito

Condividi su Facebook!